Sai cosa mangi?

«Cosa si mangia stasera?» È la domanda più comune in ogni casa(fine)

Ecco, pensiamo per un attimo al vero senso di questa domanda: sappiamo davvero cosa mangiamo? Conosciamo veramente il cibo che portiamo ogni giorno in tavola? Da dove viene, come è coltivato, trasformato, e cosa contiene?

In questo articolo abbiamo cercato di fare la nostra parte, nella convinzione che un sapere diffuso contribuisca a un’alimentazione consapevole e più sana. Ne è venuto fuori un piccolo compendio per saperne un po’ di più su ingredienti, valori nutrizionali e termini con i quali dovremmo familiarizzare, quali acidi grassi essenziali, fibre solubili e insolubili, alimenti iperproteici, antiossidanti, indice glicemico. Per districarsi tra gli scaffali e scegliere i prodotti adatti alle proprie esigenze, con uno sguardo a quello che l’etichetta dice e a quello che non dice. Sì, perché imparare a leggere l’etichetta di un prodotto è il primo passo verso una spesa consapevole, ma da solo non può bastare.

C’è bisogno di una vera e propria crescita culturale in tema di consapevolezza alimentare, per imparare a leggere tra le righe, per andare oltre le apparenze: la capacità di fare affidamento sulle proprie conoscenze e sulla propria coscienza, senza correre dietro a mode alimentari, pubblicità o testimonial. Perché poter scegliere il giusto prodotto è una libertà della quale non ci possiamo privare.

Continue reading “Sai cosa mangi?”

Fregola asparagi e limone

La sfiziosità della fregola, la prelibatezza degli asparagi e la freschezza del limone si incontrano in un primo piatto semplice, leggero, gustosissimo.

Ingredienti (2 persone)
– fregola 200g
– 6-8 asparagi
– Limone
– Timo fresco
– Olio extravergine di oliva
– Sale

Preparazione
Preparare questo primo piatto è davvero facile e richiede pochissimo tempo. Lava gli asparagi in acqua corrente, elimina la parte più dura e mettili a grigliare, poi tagliali in pezzetti lunghi 2-3 cm. Passiamo quindi alla fregola: si tratta di una tipica pasta sarda a base di semola di grano duro che forse non tutti conoscono (a questi consiglio vivamenti di rimediare al più presto a questa mancanza!). Quella che abbiamo utilizzato è realizzata solo con grano duro italiano, seguendo la lavorazione artigianale come si faceva una volta: trafilatura al bronzo e essiccazione lenta a bassa temperatura (20 ore a 35°C), per mantenere intatte le proprietà nutrizionali e organolettiche, un prodotto “vivo” dalla consistenza compatta ed elastica che tiene la cottura. Cuoci la fregola in acqua salata (per quella che abbiamo usato ci vogliono 8 minuti), scolala e lasciala raffreddare leggermente in una ciotola, poi aggiungi 4 cucchiai di olio (noi abbiamo utilizzato un biodinamico toscano, certificato demeter, un blend di olive Frantoio, Leccino e Moraiolo dai toni decisi ma equilibratissimi), gli asparagi grigliati, le foglioline di timo (daranno quel tocco in più alla vista e al palato) e spolvera con la scorza grattugiata del limone (biologico, ça va sans dire) a tuo piacimento. Et voilà, un primo piatto elegante e leggero che tutti possono preparare.

Buon appetito!


Continue reading “Fregola asparagi e limone”

Friselle: 3 ricette per gustarle

Per la loro lunga conservabilità, le friselle erano considerate il pane dei marinai e la tradizione narra che prima di essere mangiate venissero ammorbidite con l’acqua di mare.

Oggi, ovviamente, il metodo per ammorbidire le friselle è diverso, l’ideale è passarle brevemente sotto l’acqua corrente o immergerle per qualche secondo in acqua salata, meglio ancora cospargerle con il liquido di condimento come ad esempio l’acqua del pomodoro, o addirittura con acqua aromatizzata con piante aromatiche e spezie.
Vietato però lasciarle in acqua, la croccantezza è essenziale per gustarle appieno!

Continue reading “Friselle: 3 ricette per gustarle”

Orzo freddo con verdure, pinoli e succo di melagrana

Ci siamo. L’estate è alle porte, con lei caldo e giornate di sole, e aumenta la voglia di piatti freddi e gustosi. Ma come fare per non ricadere sempre nella solita insalata di riso? Semplice, la parola d’ordine è cereali, uniti a verdure fresche e succose che ci aiutano a sentirci meno accaldati.

Ingredienti (2 persone)
– Orzo perlato (oppure Farro o Segale) 200g
– Pomodorini
– Rucola
– Ravanelli
– Cipolla rossa
– Pinoli

Per il condimento:
– Olio extravergine di oliva
– 100% melagrana da bere
– Origano
– Sale e pepe

Orzo Perlato Sapore di Sole
100% Melagrana da Bere Sapore di Sole
Pinoli Sapore di Sole
Olio Extra Vergine di Oliva IGP Sapore di Sole

Continue reading “Orzo freddo con verdure, pinoli e succo di melagrana”

Straccetti di Seitan all’aceto balsamico su crema di piselli

Straccettti gustosi (fine)
Hai organizzato una serata speciale e non sai proprio da che parte farti per cucinare qualcosa di nuovo? Prova a stupire i tuoi ospiti con questa ricetta gourmet, il bis è assicurato! =)

Ingredienti (2 persone)
– 300g di seitan
– 150g di piselli lessati
– una tazza di brodo vegetale
– rosmarino
– shoyu
– aceto balsamico
– pane (integrale o tipo 2)

Seitan Naturale Sapore di Sole
Piselli lessati al naturale
Shoyu – Salsa di Soia Sapore di Sole

Continue reading “Straccetti di Seitan all’aceto balsamico su crema di piselli”

L’importanza degli Oli di Semi

Lino, canapa, girasole, sesamo, vinaccioli, zucca. Gli oli estratti dai semi sono una preziosa fonte di acidi grassi polinsaturi, in particolare di acidi grassi essenziali, quelli che l’organismo non è in grado di sintetizzare e che vanno quindi integrati con la dieta – come l’acido alfa-linolenico (omega 3) e l’acido linoleico (omega 6) – che svolgono una funzione chiave per il regolare funzionamento dell’organismo, in particolare del sistema immunitario e di quello cardiovascolare.
Affinché mantengano tutte le proprietà delle materie prima da cui sono estratti, gli oli di semi devono essere estratti tramite premitura meccanica a freddo, a temperature inferiori ai 27°, con l’esclusione di prodotti chimici e dei processi di raffinazione, che oltre ai preziosi grassi polinsaturi eliminano anche le vitamine del gruppo B, la vitamina E e le lecitine. Sono sensibili al calore, per assorbirne al meglio le proprietà si consiglia di utilizzarli a crudo. Vediamoli nel dettaglio.

Lino: omega 3 e omega 6, è un ottimo scudo contro le malattie cardiovascolari, infiammatorie e neurodegenerative, grazie alla presenza di fitoestrogeni naturali è indicato durante la menopausa e nella patologia prostatica.

Semi di canapa: straordinarie proprietà nutrizionali (elevato contenuto di acidi grassi essenziali, vitamine B, D, E, e minerali), aiuta il sistema cardiovascolare ed è efficace nel tenere sotto controllo il livello di colesterolo. Il sapore ricorda la nocciola.

Semi di girasole: potente antiossidante naturale, grazie alla presenza di omega 6 e di vitamina E, che lo rende adatto a rinforzare pelle e capelli.

Sesamo: equilibrio unico tra grassi polinsaturi e monoinsaturi, alto contenuto di ferro e vitamine, regola la pressione e purifica il fegato. La forte presenza di calcio e di sali minerali lo rende un buon integratore per i bambini in fase di crescita e per gli anziani, contrastando l’osteoporosi. Delicato e saporito, dà un tono inconfondibile ovunque lo si metta.

Vinaccioli: ricco di omega 6, aiuta a ridurre il colesterolo LDL e ad aumentare quello HDL, quello «buono». La ricchezza di antiossidanti lo rende un valido aiuto per il sistema cardiovascolare.

Semi di zucca: ipocolesterolemizzante, grazie alla presenza di fitosteroli, alcalinizzante del ph dell’organismo, antinfiammatorio, contribuisce a prevenire problemi alla prostata.

Insalata di Alghe Wakame

Insalata ricche di vitamine,proteine e iodio (fine)
Ricche di vitamine, proteine e iodio, le alghe sono un alimento estremamente versatile e gustoso, oltre che fonte di numerose proprietà importantissime per il nostro benessere. Nell’articolo «Alghe in cucina? È facile!» si spiega quali sono queste importanti funzioni, quali sono i tipi di alga più diffusi e come poterle utilizzare nella cucina di tutti i giorni per insaporire mille piatti.

Questa ricetta semplicissima, ottima con l’arrivo dei primi caldi perché fresca e succosa, è uno spunto per chi non le ha mai assaggiate e vuole provarle.
Per chi invece già le conosce, il mio consiglio è… spazio alla fantasia!

Ingredienti
– 15g di alghe wakame
– succo di limone  (o lime)
– aceto di riso
– shoyu
– sesamo / gomasio ai semi di canapa
– 4-5 spicchi di arancia

Alghe Wakame Sapore di Sole
Succo di Limone Sapore di Sole
Shoyu – Salsa di Soia Sapore di Sole
Semi di Sesamo Sapore di Sole

 

Continue reading “Insalata di Alghe Wakame”

Tempeh alle mandorle

L’alternativa leggera al classico pollo alle mandorle di origine asiatica, ma altrettanto gustosa.

Ingredienti (2 persone)

Per il tempeh:
– 300 g di tempeh
– 80 g di Mandorle sgusciate
– 1 porro
– 2 peperoncini freschi
– 4 cucchiai di aceto di riso
– 8 cucchiai di Shoyu
– Olio di Sesamo
– Farina di riso

Per il Riso:
– 120 g Riso Thaibonnet Integrale
– Olio di Cocco
– Brodo vegetale

Tempeh Naturale Sapore di Sole
Shoyu – Salsa di Soia Sapore di Sole
Riso Thaibonnet Integrale Sapore di Sole
Mandorle Sgusciate Sapore di Sole
Farina di Riso Integrale Senza Glutine

Olio di Sesamo Crudo Sapore di Sole

Olio di Cocco Sapore di Sole

Continue reading “Tempeh alle mandorle”

Arriva la primavera, è tempo di rigenerarsi

Per la medicina tradizionale cinese, ognuno dei 5 elementi di cui è composta la materia è legato a un organo del nostro corpo. Entrando nella primavera, periodo dominato dall’elemento legno, dobbiamo concentrarci sull’organo a questo collegato: il fegato.

Volendo attualizzare i concetti espressi da questa antica filosofia passandoli al vaglio di una lettura scientifica, come capita spesso ci rendiamo conto che esiste un fondamento di verità nella saggezza delle culture che ci hanno preceduto. Veniamo da un periodo invernale in cui il nostro organismo è stato messo a dura prova dal freddo e appesantito dagli eccessi alimentari e dalla poca mobilità, elementi che hanno contribuito al proliferare di tossine che sovraccaricano di lavoro e affaticano il fegato, l’organo deputato alla depurazione, con ripercussioni su tutto l’organismo (pesantezza, bruciori, gonfiori, alitosi e sovrappeso).

Ecco perché con l’arrivo della primavera è opportuno cambiare stile di vita e regime alimentare, approntando un periodo di depurazione e rigenerazione del fegato. Come? Innanzitutto puntiamo sulla leggerezza, con un occhio di riguardo al nostro apparato digerente: mantenere pulito l’intestino è essenziale, perché è qui che si sviluppano le tossine che il fegato dovrà smaltire. Cerchiamo allora di scegliere alimenti integrali ricchi di fibre che contribuiscono a liberare il tratto intestinale e a evitare l’accumulo di colesterolo e trigliceridi.
Poi concentriamoci sulla depurazione del fegato, sfruttando le proprietà naturali delle erbe amare, come la cicoria e il tarassaco, dei germogli (è questo il periodo dell’anno in cui danno il meglio), delle erbe aromatiche come rosmarino, origano e salvia e dei carciofi. A proposito di abbinamenti, provate un toccasana per il fegato: barbabietola + succo di limone.

Se vogliamo intraprendere un vero e proprio percorso depurativo, che ci ripulisca delle scorie accumulate in mesi di feste e stravizi, è consigliato sfruttare le proprietà depurative, protettive e antiossidanti dell’aloe vera.

Insalata di Quinoa con Pesto di Pomodori Secchi e Capperi

Un’alternativa gustosa e diversa alla solita pasta? Prova la quinoa!

Ingredienti (per 2 persone)
– 150g di quinoa mix
– 6-7 pomodori secchi
– 3 cucchiaini di capperi in olio extravergine di oliva
– 10 olive nere
– 3-4 foglie di basilico
– peperoncino fresco, timo e aglio (in base al gusto)
– olio extravergine di oliva

Quinoa Mix
Pomodori Secchi Conditi
Capperi in Olio Extravergine di Oliva

Continue reading “Insalata di Quinoa con Pesto di Pomodori Secchi e Capperi”